Domenica amara per la Pecciolese di Cerasa. Dopo la brillante vittoria contro la capolista Fratres Perignano, i nerazzurri non hanno saputo ripetersi tra le mura amiche del Pagni di Peccioli contro la matricola Pieve Fosciana.

Dopo aver condotto il match per gran parte dei novanta minuti, i ragazzi della Pecciolese, in vantaggio per uno a zero grazie all rete di Davide Benvenuti (73′), si sono fatti raggiungere dai garfagnini sul punteggio di uno a uno, ad una manciata di secondi dallo scadere dei minuti di recupero concessi dal direttore di gara.

Nella prima frazione di gare, le più ghiotte occasioni da gol per la Pecciolese, che hanno appunto in più occasioni avuto la possibilità di aprire e chiudere veramente la partita.

Grande protagonista di giornata Lorenzo Fiorentini, che per ben due volte è riuscito a colpire il legno, negandosi così anche la gioia della prima rete in maglia nerazzurra.

Un punto che di sicuro non soddisfa la truppa diretta da Cerasa e che decisamente non rispecchia quanto di buono fatto vedere in campo.

Al termine dell’ incontro, queste le dichiarazioni dei protagonisti.

“Il calcio è sempre stato la mia vita” dichiara Matteo Gentili, neo acquisto di lusso, ai microfoni della FC Pecciolese 1936 “Sono partito piccolo da casa per raggiungere un sogno e quando poi tanto fuori dal campo, un po’ ti manca. Ho scelto Peccioli per il progetto ambizioso che c’è alla base. Per quanto riguarda la partita di oggi credo che forse dovevamo essere un po’ più bravi a chiuderla prima, ma il calcio è questo. A parte i due punti persi, credo che non si debba recriminare nulla alla squadra”.

Un po di rammarico anche nelle parole di Davide Benvenuti, bomber di giornata “Oggi ho siglato il mio primo gol in maglia nerazzurra, c’è rammarico però per i tre punti non conquistati. Siamo una grande squadra, continueremo a lavorare e chissà come finirà questo campionato. Domenica saremo sul cmpo ostico dell’Audace Galluzzo, ma per noi vorrà essere una guerra ogni domenica fino alla fine del Campionato.”