La settimana scorsa a Berlino si è tenuto il XII congresso mondiale “Emas-European menopause and andropause society”, dove i lavori sono stati aperti dal professor Tommaso Simoncini, direttore dell’Unità operativa di Ostetricia e Ginecologia 1 dell’Aoup, in qualità di presidente della società.

Il congresso ha accolto più di 1000 delegati da tutto il mondo, con un programma scientifico di altissimo livello ed una serie di attività innovative. Questo momento ha coronato un percorso di vari anni in cui la Emas è passata dall’essere una piccola società a rappresentare un riferimento internazionale per chi ha un interesse nella medicina di genere e dell’invecchiamento, con la produzione di linee guida, di position statements, di seminari online accessibili da tutto il mondo. La Emas è oggi una realtà moderna e veloce, che raggiunge più di 100.000 medici e ricercatori ogni mese con attività di informazione e di aggiornamento online e sui principali social media.

Aver portato come presidente la Emas a questo prestigioso traguardo – dichiara il professor Simoncini – è per me motivo di particolare orgoglio. E accolgo con grande soddisfazione anche il fatto di aver ottenuto di poter organizzare il 13° congresso Emas, a maggio 2021, in Italia, a Firenze, continuando a rappresentare nel mondo il contributo che il nostro Paese ha dato negli anni a questa importante area della medicina