Ha parlato nel giorno della vigilia dell’attesissima gara di ritorno tra Pisa e Carrarese (si parte dal 2-2 dell’andata) valida per il Primo Turno della Fase Nazionale dei playoff Mister Luca d’Angelo che ha anticipato le tematiche e i suoi pensieri sulla sfida di domani sera alle ore 20.30 all’Arena. Ecco di seguito le dichiarazioni rilasciate dal tecnico nerazzuro in sala stampa:

Se guardiamo alla sfida dell’andata possiamo riassumere il gioco del calcio: loro hanno segnato il primo gol in uno dei nostri momenti di maggiore gestione della gara e noi abbiamo segnato due gol nel loro momento di massima esaltazione. Questo sport è così, non ci sono segreti o tattiche che tengano. Anche domani mi aspetto una gara aperta tra due squadre che giocano bene a calcio. A Carrara l’idea di schierare Meroni e non Lisi l’abbiamo avuta rivedendo Pisa-Carrarese dello scorso Marzo, penso che sia stata utile questa cosa e che ci abbia portato a giocare bene. Credo che anche con Lisi dall’inizio la gara avrebbe comunque avuto un andamento simile.”

I ragazzi stanno tutti bene e domani saranno tutti convocati, Benedetti ci sarà perchè ha recuperato. Non credo ci sia una squadra favorita, noi abbiamo il fattore campo ma la Carrarese gioca ugualmente in casa e fuori. Temo il loro gioco come loro devono temere il nostro, dobbiamo giocare senza calcoli e come sappiamo e penso che così tutto andrà bene. Recuperato anche Marconi, sarà tra i convocati. Per la formazione ci devo ancora pensare, non escludo di poter rifare lo stesso schema tattico proposto Domenica scorsa.”

Marin è riuscito a sopperire all’assenza di Verna ma non avevo dubbi, noi abbiamo tanti elementi importanti che hanno fatto sempre bene quando chiamati in causa. Importante comunque il recupero di Luca (Verna) perchè potrà darci una grossa mano. Sul ritmo in campo forse stiamo meglio noi di loro che hanno giocato veramente tante partite in pochi giorni, credo però che in gare del genere da dentro o fuori questi siano discorsi fini a se stessi e tutto si azzera drasticamente, ripeto noi dobbiamo solamente giocare al calcio che conosciamo sperando poi di sfruttare gli episodi a favore e di passare il turno.”

E poi conclude – “Il nostro girone A è stato il più duro a mio avviso, basti pensare che Lucchese-Cuneo che si giocano i playout sono due squadre che avrebbero sul campo fatto i punti per fare i playoff…oltre a loro la Juve U23 e l’Alessandria ad esempio erano due ottime squadre oltre a ben tre squadre che venivano dalla Serie B. Era un campionato sicuramente duro, ripeto se negli altri gironi vedo al massimo 4-5 squadre competitive nel nostro ne ho viste anche 12-13, nulla da dire a questi ragazzi che hanno sempre dato tutto e lottato contro avversari forti. Domani dovremo meritarci sul campo quello che abbiamo creato sin ora, mi aspetto un grande pubblico che ci aiuterà sicuramente nel provare a raggiungere questo passaggio del turno.”