Il segretario provinciale PD Massimiliano Sonetti espone il suo pensiero anche riguardo alla decisione di Matteo Renzi di uscire dal partito: “E’ una decisione che reputo errata per varie ragioni. La prima è strategica. Siamo in un momento di svolta e così si indebolisce un governo appena formato che può e deve dimostrare una importante discontinuità con il passato. Questo Governo ha bisogno di sintesi e di unità di intenti. Ha bisogno di una linea ferma e coerente che deve contare sul più importante partito democratico di centro-sinistra in Italia. Aprire lacerazioni e nuovi fronti porterà inevitabilmente a maggiori difficoltà. A Matteo Renzi, la cui storia personale ho sempre apprezzato, e di cui ho ammirato capacità e intelligenza, vorrei anche dire che c’erano e ci sono, all’interno del Partito Democratico, le
condizioni per far valere le proprie idee, le proprie impostazioni, la visione innovativa che abbiamo della realtà italiana“.

Il segretario regionale passa poi ad analizzare la situazione attuale, nella quale il Partito Democratico è chiamato a sfide elettorali importanti: “E’ negli spazi di democrazia che abbiamo sempre coltivato dentro questo Partito che si possono raccogliere i consensi e le forze per cambiare il Paese. Fuori da questi necessari meccanismi di democrazia c’è solo il personalismo e l’infatuazione per l’uomo forte. Che è esattamente ciò che dobbiamo combattere per migliorare l’Italia“.

Colgo anche l’occasione – prosegue Sonetti – per lanciare un appello a tutti gli iscritti, i militanti e gli elettori del Pd. Questo è il momento di mobilitarsi per affrontare le importanti sfide che abbiamo davanti: le elezioni regionali e le amministrative di Cascina“. “Tutti insieme lavoriamo per ottenere il miglior risultato in questi importanti territori: Il Pd deve ora prendere con orgoglio in mano il timone e rapidamente scegliere un proprio candidato competente e autorevole, per la sfida delle elezioni regionali. Alla luce del buon lavoro di questi dieci anni il Pd può legittimamente rivendicare per se una guida che da sempre gli compete. Una guida esperta, valida e capace, che porti avanti il cammino di crescita della comunità regionale. Attraverso questo candidato, poi, dobbiamo affrontare tutti insieme le sfide e portare avanti le proposte vincenti per il bene della Toscana“, conclude Massimiliano Sonetti.