Ho passato una vita in trincea”: questa la frase che in tanti sicuramente gli hanno sentito ripetere, parlando con orgoglio e passione del suo lavoro e sempre con il sorriso sulla bocca. Dopo una lunghissima carriera nel settore dell’emergenza-urgenza, va in pensione dal 1 febbraio il dottor Eugenio Orsitto, direttore di lungo corso del Dea e medico radiologo dal 1980. Chi non ha a casa una radiografia o un’ecografia con la sua firma, quando ancora non c’era stata l’aziendalizzazione e l’ospedale pisano si chiamava Usl 12?
Pugliese orgoglioso delle sue origini, nato nel 1952 a Lucera (Fg), terra di confine fra Puglia, Campania e Molise, “con forti influenze albanesi”, come ha sempre amato ripetere, si è laureato a Pisa in Medicina nel 1976 e specializzato in Radiologia nel 1981 ma, sin dal 1980, ha lavorato come assistente ospedaliero a Cecina, Lucca e Pisa. Poi aiuto ospedaliero del modulo di radiodiagnostica d’urgenza del Pronto soccorso dell’Aoup, direttore della sezione autonoma, e poi Unità operativa di Radiodiagnostica del Ps (nel 2000) e direttore del Dea dal 2004, incarico che ha mantenuto fino ad oggi per 16 anni, vivendo quindi anche il trasferimento dal Santa Chiara a Cisanello (nel 2010). E tutto il personale del Dea lo saluta qui con affetto, con questo ricordo – a cui si associa la Direzione aziendale – a sottolineare non solo la sua professionalità ma anche la grande abnegazione al lavoro