Conferenza online con docenti, rappresentanti del ministero della salute e della Regione Veneto, nell’anno dell’infermiere, a 200 anni dalla nascita a Firenze della “fondatrice” della professione

Evoluzioni e sperimentazioni sull’assistenza infermieristica sono al centro di una ricerca, coordinata dal Laboratorio MeS Management e Sanità dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, i cui risultati sono stati al centro di un seminario online, con la partecipazione di docenti e ricercatori dell’ateneo, di università inglesi e di rappresentanti del Ministero della Salute e della Regione Veneto. Al seminario online hanno partecipato oltre un centinaio tra professionisti, dirigenti, esperti e infermieri in prima linea. In questo momento anche l’assistenza infermieristica è messa a dura prova dall’emergenza sanitaria e la sua rilevanza appare con evidenza.

I risultati del progetto sono stati presentanti in concomitanza con l’anno internazionale dell’infermiere e una delle relatrici, Anne Marie Rafferty (docente al Royal College of Nursing, Regno Unito) ha sottolineato come la Toscana, Firenze in particolare, 200 anni fa abbia dato i natali a Florence Nigthingale, considerata la fondatrice dell’infermieristica moderna. “I suoi studi – ha detto Anne Marie Rafferty – e la sua capacità di leggere il contesto e di individuare i dettagli che fanno la differenza nella cura sono stati determinanti per la nascita e per l’affermazione di quella che sarebbe diventata la scienza infermieristica”.

“Oggi – ha aggiunto Mariadonata Bellentani, dirigente del Ministero della Salute – è fondamentale parlare di modelli organizzativi che riconoscano il ruolo e l’importanza di ogni figura professionale, come quella dell’infermiere, e della loro interazione”. “Siamo orgogliosi di presentare i risultati di un progetto di ricerca che ha coinvolto i nostri ricercatori – afferma Milena Vainieri, docente responsabile del Laboratorio Management e Sanità della Scuola Sant’Anna – di un progetto di ricerca che ha coinvolto i nostri ricercatori e li ha visti lavorare anche insieme ai direttori dei dipartimenti delle professioni della Regione Toscana”.

Tra i risultati della ricerca, si segnalano lo studio delle caratteristiche dei modelli organizzativi dell’assistenza infermieristica in ambito ospedaliero e la mappa della loro declinazione negli ospedali toscani, la triangolazione di queste informazioni con i dati raccolti in maniera costante attraverso l’osservatorio sugli esiti PREMs e con le indagini di clima organizzativo, punti di vista privilegiati “che hanno messo in evidenza aspetti interessanti e, a volte, inattesi sull’assistenza infermieristica.

Risultati della ricerca sulla professione infermieristica sono presenti anche nel saggio “Modelli organizzativi e performance dell’assistenza infermieristica” pubblicato da Milena Vainieri con i colleghi Chiara Barchielli e Nicola Bellé e che ha ispirato il seminario online. Qui sono raccolte riflessioni su diversi ambiti dei modelli infermieristici, come ad esempio i metodi per la stima del fabbisogno di personale attraverso l’esperienza condotta nella Regione Veneto. “Continueremo a studiare l’evoluzione e le sperimentazioni in atto sull’assistenza infermieristica e i modelli di assistenza delle cure primarie anche grazie alla nuova collaborazione con Anne Marie Rafferty per dare vita a un confronto internazionale”, ha concluso Milena Vainieri.