Una spiaggia a misura di tutti e sempre più accessibile. È Marina di Vecchiano che non solo è una perla incastonata nella riserva naturale del Parco Migliarino san Rossore Massaciuccoli, ma che, grazie all’assiduo impegno dell’Amministrazione Comunale di Vecchiano, sta aumentando sempre più la sua vocazione per essere concretamente accessibile per tutti.
“Già i primi di giugno scorso, essendo appena all’inizio l’allestimento della stagione estiva, abbiamo incontrato i rappresentanti di Handy Superabile. Nello specifico abbiamo definito gli stalli dei parcheggi da mettere a disposizione di persone diversamente abili che, come ogni anno da ormai un po’ di tempo a questa parte, frequentano l’Oasi Zero di Marina di Vecchiano. Una scelta che consente di raggiungere la spiaggia nelle più agevoli condizioni possibili anche con una sedia a rotelle, e che il nostro ufficio tecnico Comunale ha attuato nella pratica” spiegano il sindaco Massimiliano Angori e l’assessore alle Politiche del volontariato, Mina Canarini. “Un lavoro che stiamo definendo sempre più nel dettaglio, e che è iniziato da anni. L’Oasi Zero, infatti, presenta già postazioni in spiaggia a cui possono accedere comodamente anche persone diversamente abili. Inoltre proprio in questi giorni il nostro Ente ha effettuato l’acquisto di una nuova e moderna Sedia Job per consentire l’accesso all’acqua da parte delle persone disabili che lo necessitano, e oltre a questa abbiamo acquistato anche un deambulatore da spiaggia; il tutto sarà a stretto giro disponibile presso l’Oasi Zero. Infine circa una decina di giorni fa abbiamo effettuato un nuovo sopralluogo sempre presso l’Oasi Zero con i rappresentanti di altre Associazioni che operano nel campo della disabilità per iniziare a tracciare delle novità da introdurre a partire dalla stagione estiva 2022 per far sì che il nostro litorale possa diventare sempre più un punto di riferimento operativo anche in termini di inclusione sociale ad ogni livello e nei confronti di ciascuna esigenza, anche rispetto alle forme più gravi di disabilità che presuppongono di mettere a punto una serie di importanti accorgimenti per consentire l’accesso sull’arenile in piena sicurezza e serenità.
Siamo dunque costantemente al lavoro per concertare le migliori modalità di fruizione per tutti, confermando cosi anche la vocazione sociale che da sempre caratterizza la nostra marina”.