Anche in tutti gli ospedali della Azienda USL Toscana nord ovest, così come nel resto della Regione Toscana, è entrato in funzione il numero unico per le emergenze intraospedaliere che permette di attivare un’assistenza tempestiva in tutti quei casi di eventi traumatici che possono accadere all’interno di un ospedale.

Il servizio può essere attivato esclusivamente dal personale e riguarda casi in cui pazienti, operatori o semplici visitatori siano colti da infarto o ictus, oppure cadano da scale o dal letto oppure si registri un peggioramento clinico in una persona già ricoverata in ospedale.

Il numero unico intraospedaliero, che deve essere conosciuto solo dal personale, aumenta la sicurezza per tutti coloro che a vario titolo si trovino ogni giorno all’interno delle aree ospedaliere ovvero circa 40mila pazienti ai quali si aggiungono altre decine di migliaia di persone tra operatori della sanità e visitatori.

Il nuovo modello ha portato alla costituzione in tutti gli ospedali di un cosiddetto “team dell’emergenza intraospedaliera”, composto da professionisti estremamente qualificati, in grado non solo di garantire in ogni momento la risposta a queste emergenze anche di indirizzare i pazienti nel percorso più adeguato di diagnosi e cura.

Quella avviata dalla Toscana è la prima esperienza strutturata a livello regionale come risposta agli eventi traumatici che avvengono dentro gli ospedali. E’ un modello avanzato e coerente con le più recenti evidenze scientifiche, che dimostrano come questi sistemi permettano una diminuzione della mortalità intraospedaliera e del ricorso a livelli di cura maggiore, assicurando un notevole progresso in termini di sicurezza e performance ospedaliera.