In questa fase dell’emergenza coronavirus che evidentemente preoccupa la cittadinanza, arriva il messaggio dei sette sindaci dell’Unione a rassicurare, ma anche a chiedere senso di responsabilità alla popolazione.

E’ un momento difficile per tutto il Paese – dichiarano i Sindaci – e proprio per questo motivo è fondamentale mantenere la calma senza farsi prendere da isterismi o allarmismi controproducenti, come quelli cui abbiamo avuto modo di assistere in queste ore in altre parti d’Italia. Ci rivolgiamo direttamente a tutti i nostri cittadini per chiedere maggiore senso di responsabilità al fine di contenere e limitare questo contagio. Il nostro invito è pertanto quello di cambiare, fino a quando l’emergenza non sarà passata, il proprio stile di vita. Questo si traduce in alcuni comportamenti che potremmo definire coscienziosi come quello di evitare spostamenti e attività non strettamente necessarie che possono portarci a contatto con molte persone. In questo periodo consigliamo di restare più a casa e rinunciare all’idea di frequentare luoghi affollati e assembramenti. Per scongiurare nuovi episodi di infezione riscopriamo il piacere di vivere momenti conviviali insieme ai propri cari, magari facendo una bella passeggiata all’aria aperta. Per chi avverte problemi respiratori o febbre riconducibili alle sintomatologie del coronavirus la raccomandazione è quella di avvertire subito il medico curante o la ASL. L’emergenza che dobbiamo fronteggiare è insolita per tutti noi. L’unico modo di vincere questa battaglia è quella di affrontarla tutti assieme con senso di responsabilità e rispetto verso noi stessi e verso gli altri”.

Questo il comunicato diramato dai Sindaci di Bientina, Buti, Capannoli, Calcinaia, Casciana Terme Lari, Palaia e Pontedera ai propri concittadini.